0% Complete
Logo
24 Novembre 2018

Siamo nei capitoli della passione secondo san Giovanni. Più volte, in queste pagine, i protagonisti sono chiamati a scegliere: rimanere al fianco di Gesù, aderire alla sua logica (la logica “non logica” di non resistere al male) oppure a quella del mondo. Nel momento della prova i discepoli scelgono, almeno momentaneamente, di mettersi in salvo. E nell’orto degli Ulivi abbandonano il Maestro.

Pietro sceglie di non rimanere inerte di fronte alle sofferenze dell’amico Gesù, e colpisce il servo del sommo sacerdote con la spada. Poco dopo, sempre Pietro sceglie di proteggere la sua incolumità, e nega di aver mai avuto a che fare con Gesù. Il popolo sceglie, anzi, chiede esplicitamente, che al posto di Gesù venga messo in libertà Barabba, un brigante. Il popolo sceglie ancora, quando esorta Pilato a non indugiare, e a condannare a morte il Nazareno, affermando di non avere altro re all’infuori di Cesare. Naturalmente, colui che deve compiere la scelta determinante è proprio Pilato. E sceglie di tenere ben stretto il suo ruolo di prestigio di fronte ai Romani, facendosi nemici i Giudei. Colpevole Pilato, certo; inetto, vigliacco. Ma forse il suo comportamento è in parte giustificabile.

“Tu sei il re dei Giudei?”, chiede a Gesù. “Dici questo da te oppure altri te l’hanno suggerito sul mio conto?”, è la risposta. Pilato non sa nulla di Gesù, forse non ne ha mai sentito parlare. Per questo chiede chiarimenti riguardo le accuse che gli vengono mosse. Per gli altri personaggi le condizioni sono molto diverse: essi hanno ascoltato la predicazione del Maestro, assistito ai segni che Egli ha compiuto. Eppure, come Pilato, scelgono di non avere scocciature da quest’uomo. Forse perché non hanno voluto conoscerlo; secondo l’accezione biblica, non sono entrati in confidenza con Lui. Non hanno compreso che quella predicazione, quei segni, avrebbero potuto avere una ricaduta concreta nelle loro esistenze. E in Gesù hanno visto soltanto un grande pericolo: venire scomodati dalle proprie abitudini, anche quelle religiose. Oggi siamo noi a dover proclamare che Cristo è il re: del nostro quotidiano e delle nostre relazioni, oltre che della storia universale e del creato. La domanda di Gesù a Pilato vale dunque per ciascuno di noi: ne abbiamo fatto esperienza, o altri ce l’hanno detto sul suo conto?

 

Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
Via Aleardi 61 - Mestre (VE)
News
  • 5x1000 - Patronato Sacro Cuore

    Vogliamo porvi ancora una volta l’attenzione ancora sulla possibilità di donare il 5×1000 per le attività del nostro Patronato in favore di tutta la nostra comunità parrocchiale. Sarebbe una entrata che permetterebbe di ammortizzare alcune spese di ammodernamento che abbiamo in programma di fare.

    “PATRONATO SACRO CUORE”

    Codice Fiscale: 90126330274

     

     

  • Appuntamenti della comunità

    Libretto dei canti: premi qui.

    Foglietto della messa: premi qui.

  • Offerte per la parrocchia e il patronato

    Per eventuali offerte, contributi e versamenti quote per attività, ecco le coordinate bancarie:

    – IBAN intestato a Parrocchia Sacro Cuore: IT46Q0200802009000105474845

    – IBAN intestato a Patronato Sacro Cuore: IT76R0200802009000105475735