0% Complete
Logo

Mentre si avvicina la conclusione dell’anno liturgico la liturgia invita a volgere lo sguardo verso la fine dei tempi; così, dopo aver ascoltato l’invito alla vigilanza e ad essere pronti per l’arrivo dello sposo – la parabola delle dieci vergini –, questa domenica la Parola del Signore ci invita a prendere in considerazione una realtà per noi un poco scomoda, di cui si parla raramente ma che è parte della nostra fede: si tratta del giudizio cui saremo sottoposti alla fine della nostra vita (giudizio particolare) e del giudizio che avverrà quando il Signore glorioso tornerà alla fine dei tempi (giudizio universale). Infatti, il Vangelo di questo domenica nella quale ascolteremo la “parabola dei talenti” parla proprio di questo facendo conoscere quello che succederà. Inizia così: «Avverrà infatti come a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e consegnò loro i suoi beni» (Mt 25,14); poi continua: «Dopo molto tempo il padrone di quei servi tornò e volle regolare i conti con loro» (Mt 25,19).

Ai servi del padrone sono consegnati i talenti in misure diverse: ad uno cinque, all’altro due e all’ultimo uno. I servitori, al ritorno del padrone, sono giudicati su come hanno amministrato questi talenti. Notiamo che il padrone non dice loro cosa devono fare ma si limita a consegnare ai servi i suoi beni. Tuttavia, i primi due servi restituiscono al padrone tanto quanto hanno ricevuto perciò vengono giudicati fedeli e, dunque, prendono parete alla gioia del padrone. Invece, l’ultimo servo restituisce solo il talento che ha ricevuto e, a causa di questo, il padrone lo giudica malvagio e pigro e, così, viene gettato nelle tenebre dove è pianto e stridore di denti.

Ciascun credente ha ricevuto nel Battesimo il dono della fede che è il dono della relazione diretta con Dio attraverso la Chiesa. Alla fine della nostra vita saremo giudicati su come avremo “amministrato” questo dono, saremo giudicati sulla qualità della nostra relazione con Dio. Dio è solo qualcuno che pretende da me l’osservanza di una legge (come pensa il servo malvagio)? Oppure la mia relazione con Lui ha quella confidenza e intimità che c’è nella relazione tra il Padre e il Figlio? Così hanno vissuto i servi fedeli e hanno ricevuto la gioia del loro padrone.

Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
Via Aleardi 61 - Mestre (VE)
News
  • Attività estive

    Gr.Est. 2021 – Dal 7 al 25 giugno

    Per tutte le informazioni, vai nella pagina dedicata: www.parrocchiasacrocuore.net/grest.

    Campiscuola

    Elementari: dal 5 al 9 luglio

    Giovanissimi: dal 10 al 17 luglio

    Medie: dal 18 al 24 luglio

  • 5x1000

    • Da quest’anno è possibile donare il 5xmille a “Patronato Sacro Cuore”: codice fiscale 90126330274

  • Appuntamenti della comunità

    Libretto dei canti: premi qui.

    Foglietto della messa: 13 giugno.

    Sabato

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 10.30 Caritas aperta

    Ore 19.00 Santa Messa in cripta

    Ore 20.00 Santa Messa animata dalle comunità neocatecumenali in cripta

    Domenica

    Ore 8.30 Santa Messa in cripta

    Ore 10.30 Santa Messa in Chiesa

    Ore 19.00 Santa Messa in cripta

    Lunedì

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 18.30 Santa Messa in cripta

    Martedì

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 17.30 Caritas aperta

    Ore 18.30 Santa Messa in cripta

    Mercoledì

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 18.30 Santa Messa in cripta

    Giovedì

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 16.30 Apertura sportello ACLI

    Ore 18.30 Santa Messa in cripta

    Venerdì

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 17.30 Caritas aperta

    Ore 18.30 Santa Messa in cripta