0% Complete
Logo

È difficile intercettare la Buona Notizia nel Vangelo odierno. Inizia con tre raccomandazioni: donare una delle due tuniche; non esigere più di quanto è stato fissato; contentarsi delle proprie paghe. Segue l’annuncio dell’imminente arrivo di Colui che battezzerà in Spirito Santo e fuoco. È la domenica gaudete, così chiamata per l’invito a gioire proposto dalla liturgia. Gioire di cosa, visto che  il Vangelo propone dei comportamenti da seguire, e il Battista avverte che il Messia sta venendo nel mondo per stanare i cattivi e punirli? Il discorso di oggi è la prosecuzione di quello della scorsa domenica, perciò le indicazioni suggerite sono gli strumenti per attuare il “preparate la via del Signore”. Viene il Signore e ogni uomo potrà vederlo. “Neanche in Israele ho trovato una fede così grande” (Lc 7,9). Egli viene a proclamare ai prigionieri la liberazione (Lc 4,18), a guarire gli infermi colpiti da mali di ogni genere (Lc 4,40), a chiamare i peccatori a convertirsi (Lc 5,32). Ecco la Buona Novella. Se però il cuore dell’uomo è appesantito da “affanni della vita” (I domenica di Avvento), essa non lo raggiunge.

Accade la stessa cosa anche in altri ambiti. Quante volte capita di esclamare “Non ce la faccio a seguire questa incombenza”; “Ero talmente stanco, che non sono riuscito a godere quella giornata di svago”. Appesantiti dall’ansia di accumulare beni per vivere con maggior sicurezza; tesi ad affermare noi stessi e i nostri diritti; angustiati dallo sforzo per recriminare ciò che ci spetta, rischiamo di non accorgerci che sta venendo per noi il Salvatore. E anziché carpirne la presenza, come pula portata dal vento ci ritroviamo catapultati altrove, a condurre una vita senza senso e senza speranza. I personaggi del Vangelo di oggi non si accontentano di un’esistenza di questo tipo: chiedono al Battista cosa devono fare per ottenere l’eredità promessa. Il popolo tutto è in attesa. E noi? Crediamo che Gesù Cristo vuole renderci persone felici e realizzate? Ne abbiamo fatto esperienza? Solo le risposte affermative a queste domande possono suscitare il desiderio di seguire la via per incontrare ancora una volta il Salvatore.

Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
Via Aleardi 61 - Mestre (VE)
News
  • 5x1000 - Patronato Sacro Cuore

    Vogliamo porvi ancora una volta l’attenzione ancora sulla possibilità di donare il 5×1000 per le attività del nostro Patronato in favore di tutta la nostra comunità parrocchiale. Sarebbe una entrata che permetterebbe di ammortizzare alcune spese di ammodernamento che abbiamo in programma di fare.

    “PATRONATO SACRO CUORE”

    Codice Fiscale: 90126330274

     

     

  • Appuntamenti della comunità

    Libretto dei canti: premi qui.

    Foglietto della messa: premi qui.

  • Offerte per la parrocchia e il patronato

    Per eventuali offerte, contributi e versamenti quote per attività, ecco le coordinate bancarie:

    – IBAN intestato a Parrocchia Sacro Cuore: IT46Q0200802009000105474845

    – IBAN intestato a Patronato Sacro Cuore: IT76R0200802009000105475735