0% Complete
Logo

Di tanto in tanto il Censis ci offre numeri che disturbano non solo i nostri sogni ma, soprattutto, le nostre coscienze. In Italia, ecco i numeri fatali: i single sono arrivati a sette milioni. In 10 anni sono cresciuti del 40%. Se spieghiamo ancora un po’ di numeri, la fascia fino a 45 anni è cresciuta addirittura del 66%. Mi fermo, con il nodo in gola. Chi crede fermamente nella coppia e nella famiglia queste cifre le proietta in avanti. Vede figli soli, adulti soli, case mezze vuote, avventurette cretine, consumi insulsi, bullismo, omicidi, teppismo da abbandono.

Mi pare di aver capito che sono le donne le più colpite dalla solitudine (il 15,5% rispetto all’11,6% degli uomini). Il groppo non mi prende la gola solo per i numeri, ma perché dietro di essi ci sono fragilità nuove, pericolose, preoccupanti. I figli allevati da un solo genitore, le donne madri proiettate sui figli per riempire il vuoto che sentono dentro e non per il di più d’amore che esce dal loro cuore, i padri spaesati che vedi sopravvivere tristemente in pizzeria il sabato che “tocca a loro”, più in compagnia del telefonino che del figlio. Un paese ridotto a luogo nel quale convivono abitanti – stranieri tra loro – ha il fiato corto. A loro il futuro non interessa e il progetto di vita viene svenduto per un piatto di lenticchie e un orologio Rolex. Non so se, poi, ho capito bene, ma il drammatico è ancora più drammatico: il paese Italia non ha capito che sta sbagliando. Le proiezioni ci dicono che il fenomeno crescerà!

Perché non voglio crederci, vi trascrivo questa e-mail che, da sola, annuncia un mondo nuovo.

“Sono una ragazza di 26 anni, sposata con un uomo a dir poco meraviglioso! Nel mese di febbraio abbiamo avuto una splendida sorpresa: Dio ci ha concesso di diventar genitori! A giugno, però, arriva una doccia fredda: è stata riscontrata una cardiopatia al nostro piccolo. Parliamo con il cardiologo che ci rincuora un po’, dicendo che il bambino in grembo sta bene. A 6 mesi di vita, e poi successivamente a 3 anni, dovrà subire degli interventi chirurgici per sistemare la situazione e poi – se Dio vorrà – avrà una vita normale. Se il cardiologo ci ha tirati un po’ su, il ginecologo ci ha uccisi moralmente dicendoci che se era un peso troppo forte da sopportare, visto che siamo ancora giovani, eravamo ancora in tempo per abortire! Io e mio marito abbiamo categoricamente detto di no; poi ci ha detto di fare almeno un’amniocentesi diagnostica e anche questo abbiamo rifiutato!

Ora però abbiamo bisogno di tanta preghiera. Non chiediamo il grande miracolo, ossia che il cuore del bimbo risulti assolutamente nella norma, perché sappiamo di non meritarlo, ma almeno che abbia solo quel problema al cuore e che Dio e la Madonna gli diano la forza necessaria per poter affrontare quello che deve affrontare. Chiediamo pure un piccolo miracolo per noi, perché Dio ci dia la serenità necessaria per superare questo periodo e arrivare alla data del parto più forti che mai! Noi preghiamo tanto e questo è molto bello perché ci dà forza. La prego ci ricordi nelle sue preghiere”.

Chi crede in questi miracoli fermerà l’enorme frana che sta seppellendo il cuore di molti!

don Antonio Mazzi

 

Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
Via Aleardi 61 - Mestre (VE)
News
  • Vita comunitaria

    • Da quest’anno è possibile donare il 5xmille a “Patronato Sacro Cuore”: codice fiscale 90126330274

    • I sacerdoti sono sempre disponibili ogni sabato pomeriggio a partire dalle ore 16.00 fino all’inizio della Messa delle 19.00 in sala colonne per le confessioni.

    • Sul canale YouTube sono disponibili le meditazioni del parroco sui capitoli 13 e 14 del Vangelo di Giovanni, tenute durante la quaresima.

  • Appuntamenti della comunità

    Libretto dei canti: premi qui.

    Sabato 10 aprile 2021

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 10.30 Caritas aperta

    Dalle 16.00 disponibilità di don Fabio e don Federico per le confessioni individuali in sala colonne

    Ore 19.00 Santa Messa in sala colonne (foglietto)

    Ore 20.00 Santa Messa animata dalle comunità neocatecumenali in sala colonne.

    Domenica 11 aprile 2021

    II Domenica di Pasqua – In Albis

    Ore 8.30 Santa Messa in sala colonne (foglietto)

    Ore 10.o0 Santa Messa in Chiesa dedicata ai bambini e ai ragazzi della catechesi (foglietto)

    Ore 11.30 Santa Messa in Chiesa – Battesimo di Filippo Rigobianco (foglietto)

    Ore 19.00 Santa Messa in sala colonne (foglietto)

    Lunedì 12 aprile 2021

    Ore 7.30 Lodi mattutine in Cripta

    Ore 18.30 Santa Messa in sala colonne

    Martedì 13 aprile 2021

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 17.30 Caritas aperta

    Ore 18.30 Santa Messa in sala colonne

    Mercoledì 14 aprile 2021

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 18.30 Santa Messa in sala colonne

    Giovedì 15 aprile 2021

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 16.30 Apertura sportello ACLI

    Ore 17.00 Catechesi tenuta dal diacono Daniele

    Ore 18.30 Santa Messa in sala colonne

    Ore 19.00 Formazione animatori Gr. Est. in patronato

    Venerdì 16 aprile 2021

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 17.30 Caritas aperta

    Ore 18.30 Santa Messa in sala colonne

    Ore 18.30 Gruppo giovanissimi AC (in patronato)

    Ore 21.00 Gruppo giovani AC (online)

    Sabato 17 aprile 2021

    Ore 7.30 Lodi mattutine in cripta

    Ore 10.30 Caritas aperta

    Dalle 16.00 disponibilità di don Fabio e don Federico per le confessioni individuali in sala colonne

    Ore 19.00 Santa Messa in sala colonne (foglietto)

    Ore 20.00 Santa Messa animata dalle comunità neocatecumenali in sala colonne.

    Domenica 18 aprile 2021

    III Domenica di Pasqua

    Ore 8.30 Santa Messa in sala colonne (foglietto)

    Ore 10.o0 Santa Messa in Chiesa dedicata ai bambini e ai ragazzi della catechesi (foglietto)

    Ore 11.30 Santa Messa in Chiesa (foglietto)

    Ore 19.00 Santa Messa in sala colonne (foglietto)