0% Complete
Logo

“Non ci tratta secondo i nostri peccati, non ci ripaga secondo le nostre colpe”, recita il salmo responsoriale; così si regola il Signore noi. Dio si relaziona con l’uomo da padre. Con i figli ci regoliamo così: pazientiamo di fronte alle loro ribellioni, accettiamo se, giunti all’età adulta, si allontanano dalla via del Bene sulla quale li abbiamo introdotti. Godiamo quando, dopo aver commesso degli errori a causa della loro testardaggine, tornano a noi. Non aspettiamo quel momento per sanzionarli, ma con gioia li riaccogliamo, pronti sempre ad ascoltarli, sostenerli, aiutarli; scusando tutto e donando sempre con generosità. Siamo immagine di Dio, d’altra parte. Gesù ci esorta ad assomigliare al Padre in modo ancora più radicale: come Egli elargisce a ogni uomo la sua bontà e misericordia, così allo stesso modo chiede di comportarsi a colui che decide di aderire all’annuncio di salvezza. L’amore incondizionato verso i figli ci viene spontaneo: è istintivo. L’amore verso i nemici richiede sforzo e annientamento. Nel parallelo discorso di san Matteo, Gesù dice: “Entrate per la porta stretta”. Non è uno scherzo l’adesione al Vangelo; non è un gioco la sequela di Cristo: richiede vi sia corrispondenza tra ciò in cui diciamo di credere e i nostri comportamenti. La prospettiva di un impegno simile può scoraggiare; la mentalità corrente spinge al godimento immediato, mentre fatica e perseveranza sono considerati mostri da evitare. Perché tentare di assomigliare al Padre celeste? Perché “il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo”. Si tratta di un’opportunità da non perdere. Essere figli dell’Altissimo significa  gustare appieno la compagnia di Dio nella nostra quotidianità; sentirci accompagnati in ogni situazione, avere la certezza che nulla a Lui sfugge di quanto ci accade, avvertire la Sua consolazione nel momento del dolore. E, perciò, vivere beati su questa terra: felici, appagati, perché certi che Dio Padre veglia sempre su di noi e non ci abbandona nel giorno della sventura. Questa è la Buona Notizia. È per ogni uomo. Non tutti, però, la conoscono, mentre a noi è stata annunciata. Non disprezziamo un tale dono, approfittiamo invece di questo privilegio.

Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
Via Aleardi 61 - Mestre (VE)
News
  • Orari estivi

    Sante Messe Domenica e Giorni festivi

    Sabato e Pre-festivo: Ore 19.00

    Domenica e Festivo:  Ore 8.30 (in cripta) – Ore 10.30 – Ore 19.00

    Sante Messe Giorni feriali  

    A partire dal 10 giugno e durante tutta l’estate, la Santa Messa delle ore 8.00 è sospesa. La celebrazione della Santa Messa è alle ore 18.30 in cripta. Nei mesi di luglio e agosto la recita del Santo Rosario e l’Adorazione eucaristica vengono sospese.

    SEGRETERIA

    Fino al 30 giugno: da lunedì a venerdì  dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 18.00. Sabato  dalle ore 10.00 alle ore 12.00

    Luglio e Agosto: da lunedì a venerdì  dalle ore 10.00 alle ore 12.00. Dall’11 al 17 agosto la segreteria rimane chiusa.

    Per comunicazioni urgenti telefonare al n. 041 984279 o   mandare una mail all’indirizzo segreteria@parrocchiasacrocuore.net.

    ORARI CARITAS

    La Caritas Parrocchiale chiude dal 28 giugno al 10 settembre 2019

    PATRONATO

    Il Patronato chiude tutto il mese di agosto.

  • Appuntamenti della settimana

    Domenica 9 giugno 2019

    Solennità di Pentecoste

    Giovedì 13 giugno 2019

    Sant’Antonio

    Ore 18.00 Santa Messa con tutti i bambini e i ragazzi del Gr.Est.

    Domenica 16 giugno

    Ore 10.30 Santa Messa animata dai bambini, ragazzi e animatori del Gr.Est.

    Domenica 23 giugno

    Solennità del Corpus domini

    Ore 10.30 Santa Messa con processione per le vie della parrocchia.