0% Complete
Logo

L’Eucaristia fa la Chiesa mediante la consacrazione e la comunione È il sacrificio pasquale di Gesù che ci unisce al suo “si” al Padre. È il sacrificio dell’uomo stesso in quanto muore al mondo e vive per Dio, dell’uomo che riconoscendo il mistero dice “si”. L’Eucaristia, ripresentandoci la morte di Gesù accettata liberamente nell’ultima cena e ripetuta nella sua passione, dispone l’uomo e lo spinge interiormente a dire il suo “si” al mistero. Per comprendere meglio questa forza dell’Eucaristia, potremmo dire che Essa, unendoci a Gesù nel Getsemani, fa dire alla Chiesa e all’assemblea: “Si, o Padre, non quello che io voglio, ma quello che tu vuoi”. È il secondo momento di chi ha accolto il mistero e vi aderisce dedicando la sua vita a Dio. La Chiesa dice di sì alla sua missione, al suo destino, alle sue prove, alle sue persecuzioni. Il cristiano dice sì alla famiglia, all’amore, alla vita, alla malattia, alla morte, a tutti gli impegni che l’esperienza quotidiana gli dà, voluti o non voluti.  Ciascuno dice sì al fratello che gli è vicino, anche se gli è antipatico e non riesce a sopportarlo, perché nella forza della morte di Cristo accoglie tutta la sua storia. La celebrazione porta l’assemblea a vivere il sì al Padre in una esperienza di comunicazione piena e indicibile con Dio stesso, in Cristo, con i fratelli. Quindi l’Eucaristia fa dell’assemblea un corpo solo, unito in comunione piena, perfetta di natura sua con Dio, che attende soltanto di essere svelato nella pienezza della gloria e attua il desiderio profondo di ogni uomo di essere in comunione con Dio. Tutta l’ansia dell’umanità, tutti i sacrifici antichi, tutto il desiderio delle religioni alla comunione con Dio, sono attuati nell’Eucaristia. E, come Cristo è in perfetta comunione con il Padre, così il suo corpo è in perfetta comunione con Lui e perciò vive un’esperienza di fraternità. Soltanto in forza dell’eucaristia l’uomo può rinunciare a qualcosa di irrinunciabile come è la propria soggettività: la perdita della vita nel corpo della Chiesa è frutto dell’Eucaristia.

 

Parrocchia Sacro Cuore di Gesù
Via Aleardi 61 - Mestre (VE)
News
  • Festa di carnevale in Patronato

    Festa di carnevale 2019

    Sabato 23 febbraio, dalle 15.15 alle 18.30 si svolgerà la festa di Carnevale (bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni): le iscrizioni sono aperte presso la segreteria del patronato! Vi aspettiamo numerosi e..vestiti in maschera: ci saranno giochi e merenda per tutti!!

  • Né stranieri, né ospiti

    Martedì 19 marzo, ore 21.00, in Sala Sant’Antonio

  • Appuntamenti della settimana

    Sabato 16 febbraio 2019

    Ore 19.00 Santa Messa

    Ore 21.00 Santa Messa animata dalle Comunità neocatecumenali (in cripta)

    Domenica 17 febbraio 2019

    VI domenica del Tempo Ordinario

    Ore 8.30 Santa Messa (in Cripta)

    Ore 10.30 Santa Messa (in Chiesa)

    Ore 18.30 Vespri

    Ore 19.00 Santa Messa (in Chiesa)

    Lunedì 18 febbraio 2019

    Ore 18.30 Incontro catechisti in preparazione della quaresima

    Martedì 19 febbraio 2019

    Ore 16.45 Catechismo elementari

    Ore 21.00 Catechesi comunità neocatecumenali

    Giovedì 21 febbraio 2019

    Ore 17.00 Riflessione sul Vangelo della domenica

    Ore 21.00 Adorazione eucaristica

    Venerdì 22 febbraio 2019

    Ore 18.00 Catechismo medie

    Ore 18.30 Gruppo Giovanissimi AC

    Ore 20.45 Gruppo Giovani AC

    Ore 21.00 Catechesi comunità neocatecumenali

    Sabato 23 febbraio 2019

    Ore 15.15 Festa di Carnevale in patronato

    Ore 19.00 Santa Messa

    Ore 21.00 Santa Messa animata dalle Comunità neocatecumenali (in cripta)

    Domenica 24 febbraio 2019

    VII domenica del Tempo Ordinario

    Ore 8.30 Santa Messa (in Cripta)

    Ore 10.30 Santa Messa (in Chiesa)

    Ore 18.30 Vespri

    Ore 19.00 Santa Messa (in Chiesa)